Nel nord del Benin esiste un centro per bambini sordi tenuto dalle suore della congregazione dei sacri cuori di San Filippo Smaldone. Sono oltre 100 bambini con difficoltà uditive che vengono abbandonati dalle famiglie in questo istituto. Questi bambini ottengono nell’istituto una scolarizzazione di base ma sono comunque destinati all’emarginazione  in un paese che non prevede assistenze sociali o sanitarie. Scopo del progetto è creare un centro polifunzionale dove questi bambini possano imparare un mestiere e provvedere così alla propria sussistenza e addirittura rappresentare fonte di reddito per le famiglie di origine. Le famiglie sarebbero disposte a questo punto a riprenderli in casa, nelle comunità di loro appartenenza, e questo cambierebbe radicalmente le prospettive di vita e il loro futuro.