PROGETTO ATTIVO

REDDITO ALLE DONNE ” SAPONI AL KARITE’ “

Il progetto promuove un modello di emancipazione e sviluppo socio economicoin una comunità rurale, valorizzando risorse umane ed ambientali presenti. In Burkina Faso cresce spontaneamente l’albero del Karité, la sua lavorazione artigianale sino alla produzione di saponi con oltre il 60% di Burro di Karité ed olii essenziali certificati, consente non solo l’attività lavorativa a 50 donne ma l’attivazione di un modello pilota produttivo altamente remunerativo. La produzione di saponi formulati per il mercato internazionale, necessita di un responsabile esecutivo che abbia la conoscenza delle aspettative di un consumatore europeo. Il rientro guidato di donne migrate dall’Italia nel proprio villaggio di origine, consente standard produttivi adeguati e la realizzazione di ricongiungimenti familiari. Le donne burkinabé che rientrano nel loro paese, non solo produrranno prodotti cosmetici coinvolgendo altre 15 donne locali, ma grazie ai corsi sulla cooperazione allo sviluppo frequentati in Italia, saranno delle vere emancipatrici della propria comunità. L’importazione e la commercializzazione in Europa sarà attuata direttamente da donne burkinabé che vorranno restare nel paese d’accoglienza. L’emancipazione sociale e le competenze maturate dalle donne burkinabè migrate in Italia da molti anni, e intenzionate a rientrare presso le proprie comunità d’origine per essere protagoniste dello sviluppo socio economico, creano le condizioni per l’attuazione di questo progetto.

Obiettivo Generale

Emancipazione e sviluppo socio economica,superamento dell’economia di sussistenza i comunità rurali di donne.

Attori Principali

Munincipalità di Boussouma
Association ‘Femmes Actives de Boussouma’
SMOM ONLUS

Obiettivi Specifici

Attuare e sperimentare una filiera produttiva composta da donne che in Burkina Faso producono prodotti cosmetici e in Italia, le donne burkinabé migrate le commercializzano.

Promuovere l’emancipazione femminile migliorando l’alfabetizzazione, le competenze produttive e commerciali.

Mettere in valore il Karité e le competenze tradizionali.

Beneficiari

50 donne del villaggio, di cui, una donna migrata che rientra e l’associazione Femmes Actives de Boussoufa. Beneficiari indiretti sono la comunità delle donne del Burkina Faso.

Attività

Si è costruito un immobile che consente una produzione e uno stoccaggio dei saponi prodotti.
La formazione è iniziata nell’agosto 2011 con una prima produzione sperimentale di 1000 saponette da toilette commercializzate.
Le 15 donne che attualmente fanno parte del primo gruppo produttivo nel corso del 2012 hanno prodotto 6.000 saponette in circa 3 mesi lavorativi con un guadagno personale e della struttura comunitaria. Auguriamo lunga vita al “butyruspermum parkii” o meglio ancora “Karité” che permetterà alle donne che hanno lavorato a questa produzione di beneficiare di un reddito regolare per migliorare la loro situazione economica, non soltanto per i guadagni ma anche per le conoscenze tecniche acquisite che permetteranno loro di farsi rispettare nella comunità e nella famiglia.

Analisi del Bisogno

Le condizioni di povertà nei paesi meno sviluppati sono una realtà complessa, la sopravvivenza si fonda su un’economia informale e su piccole attività di sussistenza. La ‘salute sociale’ in questi paesi per essere sostenuta ha la necessità di condizioni di igiene ambientale, comportamentali e culturali che un’economia di pura sussistenza non consente. Le economie rurali in assenza di infrastrutture, mezzi di trasporto, strade, producono solo ciò che può essere consumato sul posto a dispetto delle potenzialità spesso presenti. Uno sviluppo economico è possibile, a volte, valorizzando semplicemente risorse ambientali ed umane presenti.
La situazione delle donne in Africa è centrale per lo sviluppo del Continente. Per la loro determinazione a sostenere i figli nonostante l’assenza di fonti di reddito certe, di un compagno di vita spesso emigrato e sono in genere totalmente analfabete. Le risorse femminili nella cooperazione allo sviluppo sono considerate la leva del cambiamento, e questo progetto, vuole investire sulla loro istruzione, educazione sanitaria e formazione professionale. Spesso contadine, durante la lunga stagione secca, con i loro campi aridi, non hanno alcuna possibilità di inventarsi un’attività.

Contesto Locale

La municipalità di Boussouma, a 160 Km dalla capitale Ouagadougou, ha una superficie molto vasta (371 kmq), 1/10 della Valle d’Aosta, e i suoi 30.400 abitanti vivono in 16 villaggi diversi. Boussouma non è attraversata da strade provinciali, ed è quindi, praticamente, un’enclave; è raggiunta da piste in terra battuta, è senza elettrificazione, ha poche case in muratura e pozzi per l’acqua disseminati nel territorio. Mancano scuole in numero adeguato, servizi igienici e sanitari, veicoli a motore e strutture per la produzione e il commercio. La principale attività delle popolazioni sono l’agricoltura e allevamento. Il tasso di alfabetizzazione è del 12,9% per le donne contro il 24,8% per gli uomini.
Il Burkina Faso è uno dei paesi più poveri dell’Africa: esteso poco meno dell’Italia ha 13 milioni di abitanti; il 27% vive con meno di un dollaro al giorno, il livello di alfabetizzazione è del 25% ed ha un indice di sviluppo umano di 0.302 (175° su 177). Sanità: il tasso di mortalità infantile è pari a 107 ogni 1000 nati vivi, l’accesso ai servizi sanitari è del 29% e la speranza di vita è di 44,2 anni. Il 95% della popolazione è dedita all’agricoltura, ma la maggior parte ha soltanto delle zappette per lavorare la terra. Solo il 39% ha accesso ha accesso a fonti d’acqua potabile. Il tasso di scolarizzazione, nel 2003, era per le classi primarie del 38,2% per le bambine e del 49,6% per i ragazzi. Il Burkina Faso, ex Alto Volta, si trova nella regione del Golfo di Guinea, in pieno Sahel, confina con Mali, Niger, Benin, Togo, Ghana e Costa D’Avorio. Il clima è caratterizzato da una stagione secca e una stagione delle piogge, che va da maggio a settembre. La piovosità varia da un minimo di 600mm. nel nord, fino a un massimo di 1000 mm. nel resto del Paese e non consente una produttività continua del terreno agricolo. Si estende su una superficie di 274.000 kmq con una popolazione di circa 13 milioni di abitanti. Il Burkina Faso, scarsamente dotato di risorse naturali (ad eccezione dei giacimenti di oro sfruttati in modo artigianale) ha un ambiente naturale fortemente soggetto a degrado ed è al 175° posto su un totale di 177 Paesi nella classifica dell’indice di sviluppo umano dell’UNDP!
La mancanza di un collegamento diretto con il mare unita all’avanzata del deserto da nord a sud assieme alla cronica carenza di piogge, rappresentano fattori fortemente condizionanti.
L’economia è di tipo prevalentemente rurale (80% della popolazione totale) caratterizzata dalla prevalenza di piccole aziende familiari, con produzioni destinate esclusivamente all’autosostentamento. L’insufficiente valore delle esportazioni (cotone, oro e bestiame) rispetto agli elevati costi delle importazioni (idrocarburi e beni capitali) gravano pesantemente sulla bilancia commerciale

Risultati Attesi

Garantire 120 giornate lavorative ogni anno a 50 donne della comunità. Produrre e commercializzare 10 quintali di sapone per anno.

Sponsor Progetto

Dati Tecnici Progetto

Continente

Paese

BURKINA FASO

Località

BOUSSOUMA – BOULGOU

Inizio Progetto

2011

Durata

6 ANNI

Stato Progetto

ATTIVO

Responsabile Progetto

CAROLE BOUCHER

Costo Progetto

40.000€

Beneficiari

50 donne del villaggio, di cui, una donna migrata che rientra e l’associazione Femmes Actives de Boussoufa. Beneficiari indiretti sono la comunità delle donne del Burkina Faso.

Sostieni Smom Onlus

INSIEME ANDREMO LONTANO

Smom promuove progetti di sviluppo finalizzati a migliorare le condizioni di vita di comunità svantaggiate vittime del sottosviluppo.

DONA ORA

Abbiamo bisogno di te!

DIVENTA UN VOLONTARIO

Dai anche tu un prezioso contributo per aiutare popolazioni in difficoltà ed creare nuove condizioni di sviluppo.

ISCRIVITI SUBITO